Santuario Madonna della Stella

Sito ufficiale del Santuario Madonna della Stella (BS)

Un volto antico e giovane

inserito da Don Renzo On maggio - 13 - 2014

DSC_0017Venerdì 9 maggio c.a., dopo otto mesi di paziente lavoro,sono stati tolti i ponteggi ed è così terminato il restauro della volta e delle pareti del presbiterio nel Santuario Madonna della Stella, sito sopra Cellatica, Gussago e San Vigilio di Concesio.

L’avevamo intravisto alcuni anni fa, quando, con regolare permesso, avevamo realizzato “tasselli di discialbo”, cioè dei sondaggi sulle pareti e i cornicioni interni del santuario. Tuttavia fu per me una gradita e commovente sorpresa vedere riemergere le decorazioni che quasi cinquecento anni fa ornavano il presbiterio. Certo non tutto è rimasto: il tempo, le intemperie, l’incuria necessitata da infauste condizioni storiche ed economiche, le violenze al luogo di matrice repubblicano-napoleonica hanno lasciato danni non recuperabili. Malgrado questo, la maestria delle restauratrici e i consigli del sovrintendente ai beni culturali ci hanno restituito il sapore, il gusto, la fine bellezza di quelle decorazioni che ora possiamo godere.

Ammirati per quanto ci è dato vedere, non penso sia improprio, ma anzi davvero ragionevole, percepire in noi domande non banali: che cosa mai spinse quel popolo del cinquecento e dei secoli a seguire a volere e a rinnovare tanta bellezza in un santuario, in questo, posto sopra i confini di tre territori e quasi al confine tra la terra e il cielo?

Gente semplice, povera, lavoratrice, concreta nella lotta quotidiana per la sopravvivenza donò tempo, fatica, denaro per onorare la Madre di Gesù Cristo, la Madre di Dio, la Madre nostra. Perché? Forse è bene che conserviamo nell’intimo del cuore e della mente queste domande e quelle altre che vogliono accompagnarsi ad esse, cercando sì la risposta, ma senza fretta, senza smarrire il peso vitale di queste domande.

Intanto guardiamo il “volto” del presbiterio, il volto antico che si riaffaccia nel nostro mondo. Un volto antico, che esprime con forza e splendore l’entusiasmo della giovinezza, la certezza di avere di fronte a noi la Vita.

DSC_0010Colgo questa occasione per ringraziare i fedeli, che restano anonimi al pubblico, ma non al Signore, e gli Enti che hanno generosamente contribuito alle spese per questo restauro :

  • Fondazione Comunità Bresciana;
  • ASM;
  • Provincia di Brescia;
  • Comune di Concesio;
  • Banca Credito Cooperativo Agrobresciano;
  • e altri che spero si aggiungeranno.

Dopo questo “primo piatto”, sarebbe bello passare al “secondo”, cioè al restauro delle pareti delle navate. Occorrerebbero tanti soldini. Se la Madonna lo vorrà e se alcuni volessero contribuire… si potrebbe affrontare anche questa avventura.

Grazie.

il rettore
don Renzo Delai

[simpleviewer gallery_id=”2″]

Comments are closed.